Ocio al Zaeo. Cammino Inclusivo sui Colli Euganei con persone cieche e ipovedenti

409

Ocio al Zaeo, un viaggio a piedi di 4 giorni sui Colli Euganei progettato per includere persone cieche e ipovedenti.

Con il Patrocinio di
Parco Regionale dei Colli Euganei
Regione del Veneto
Comune di Sant’ Angelo di Piove di Sacco
Comune di Torreglia
Comune di Teolo
Comune di Galzigano Terme
Giornata Regionale dei Colli Veneti

 

Dal 24 al 28 Aprile 2024

e

Dal 29 Aprile al 3 Maggio 2024

May be an image of slow loris, echidna, hedgehog and text that says "Ocio aL Zaeo Cammino Inclusivo sui Colli Euganei NOISY VISION PARCO REGIONALE dei COLL EUGANEI"

PREMESSA

NoisyVision sostiene l’empowerment delle persone con disabilità visive e/o uditive ed educa la comunità ai temi dell’accessibilità e inclusione sociale.
NoisyVision ETS organizza trekking in natura e esperienze di viaggio inclusive aperte sia a disabili sensoriali sia a “normodotati” dal 2016. 

Nel 2017 il progetto “In Montagna Siamo Tutti Uguali” frutto della collaborazione con enti di promozione dell’Appennino Tosco-Emiliano e della Via Degli Dei  è stato premiato dal MiBACT e da Invitalia.
Nel 2019 NoisyVision ha vinto il premio Turismi Accessibili per il un progetto di cammino inclusivo che comprendeva anche  due asinelli  sulle vie di transumanza in Toscana.
Nel 2021 e nel 2023 gruppi organizzati da NoisyVision hanno percorso per primi due tratti del Cammino Di Oropa, in Piemonte.
Nel 2022 NoisyVision e la Compagnia dei Cammini iniziano a collaborare realizzando viaggi in tutta Italia e all’estero.
Nel 2023 NoisyVision ha realizzato  “
Anche a Leo Piace Giallo”, un progetto lungimirante che ha visto 13 adolescenti di cui alcuni ciechi e ipovedenti percorrere  a piedi da Lecco a Milano, lungo il Sentiero di Leonardo.
Lo stesso Presidente Luca Zaia ha più volte sostenuto NoisyVision sui suoi canali (vedi qui)
Questi sono alcuni degli esempi per dimostrare come NoisyVision ha fatto del cammino uno strumento di inclusione sociale che ha spesso funzionato da volano per promuovere territori lontani dalle rotte del turismo di massa.

IL PROGETTO

“Ocio al Zaeo” è un viaggio a piedi di 4 giorni progettato per includere persone cieche e ipovedenti.
E’ l’occasione perfetta per fare del turismo lento e sostenibile un veicolo di valori sociali, in un territorio che ben si presta ad un’iniziativa adatta a tutti per la vasta rete sentieristica e la dolcezza dei pendii collinari.
Il Cammino è  per sua natura un modo di viaggiare e di scoprire che  consente ai viaggiatori di incontrare le comunità locali, di apprezzare il territorio, la natura, la biodiversità.
Se a questo si aggiunge che il gruppo sarà formato da persone cieche e ipovedenti che camminano assieme a persone “normodotate”. tutto questo si accentua. Perché tutti i sensi dovranno essere attivati e la condivisione sarà l’unico modo per consentire a tutti di godere di ogni dettaglio, profumo, paesaggio.
La scelta dei luoghi dove soggiornare non è  casuale. Al di là delle esigenze di capienza per il gruppo abbiamo scelto di pernottare in strutture lungo l’alta Via N.1 o che poco si discostano da essa.
Le strutture religiose di questo territorio ben si prestano a diventare punti di riferimento per iniziative future, anche di natura stanziale.
In particolare soggiorneremo presso l’azienda agricola Toccare il Cielo, fondata dall’imprenditore veneto cieco Davide Cervellin. Entreremo a contatto con i produttori di olio e vino, per apprendere le tecniche produttive.
La scelta dei menù  per le cene e i pranzi sarà fatta tenendo conto delle eccellenze locali.
Sono previste tappe presso diversi punti di interesse e il dialogo con l’ente Parco Regionale dei Colli Euganei ci consentirà di conoscere a fondo tutto ciò che la natura di queste colline ha da offrire.
il tracciato che seguiremo tocca la suggestiva chiesetta oratorio di Sant’Antonio e, presso la cima del colle il Santuario della Madonna del Monte. Più a sud, dal Monte Fasolo visiteremo  Villa Beatrice d’Este, dove si trova un museo naturalistico, mentre nel lato vicino Torreglia faremo visita a Villa Vescovi, ora gestita dal FAI.
Il viaggio a piedi è già uno stile di viaggio sostenibile, ma l’attenzione che NoisyVision e Montagne di Legami pongono al tema e al rispetto dell’ambiente imporrà scelte che non prevedono uso di plastica e minimizzano i rifiuti.
Lungo il percorso prevediamo di organizzare incontri culturali con letture di poesie e filastrocche in dialetto veneto.
Il titolo stesso del progetto e’ in dialetto per connotare fortemente l’identita’ di questo viaggio a piedi che rimane collegato a tutti gli altri realizzati fino ad oggi dal colore giallo.
In questo colore c’è  l’identità di NoisyVision ma anche un’opportunità narrativa per parlare del significato che questo colore ha per le persone ipovedenti (e’ quello che si vede meglio) e quindi e’ implicita la connotazione sociale del progetto, pur mantenendo la leggerezza e la positività che NoisyVision desidera veicolare.
Noi porteremo sui Colli Euganei il nostro spirito positivo, il nostro approccio alla vita e al contempo i Colli saranno la scenografia ideale per un “ritorno a casa”, visto che NoisyVision ha sede a Padova.
La forza comunicativa di tutto questo sarà un modo perfetto per celebrare la Giornata Regionale per i Colli Veneti.

IL NOME DEL PROGETTO

Il nome dell’iniziativa è in dialetto veneto e significa Occhio al Giallo.
i significati sono molteplici.
Ocio! Stai attento! Proprio come si dice agli ipovedenti ogni volta che stanno per scontrarsi con un ostacolo.
Ocio, Occhio. Del resto gli occhi sono i protagonisti indiretti di ciò che siamo e facciamo, vista la nostra attenzione alle tematiche relative alla vista, all’ipovisione, alla cecità.
Zaeo, Giallo. E’ il colore di #YellowTheWorld la campagna di sensibilizzazione che ci contraddistingue e che unisce i nostri progetti e percorsi,
Zaeo. E’ il nome del nostro nuovo personaggio. Un riccio veneto. E quindi attenti anche  a lui, che punge!

Perché il riccio?
E’ protagonista del logo del Parco Regionale dei Colli Euganei
E’ un animale simpaticissimo.
Si muove solo di notte. Al contrario di quello che possono fare gli ipovedenti.
Ha un andamento lento e barcollante, l’udito e la vista sono poco acuti ma l’olfatto è fortemente sviluppato proprio come alcuni di noi, che abbiamo affinato particolari capacità  per muoversi in condizioni di cattiva illuminazione.

ITINERARIO

L’itinerario seguirà principalmente l’ Alta Via N.1.
I percorsi sono definiti in base alle strutture ricettive che saranno Villa Concordia (Teolo), Villa Immacolata (Torreglia) e Toccare il Cielo (Baone)

PARTNER

Montagne di Legami APS. Dal 2015 l’associazione inizia ad occuparsi di eventi e progetti legati al sociale e in modo particolare verso i ragazzi autistici su incarico dell’ASL Pisana oltre che con gli ipo e non vedenti.
Fondata da Nino Guidi, che sarà la guida AIGAE per questo viaggio.

 

One comment from the community

  1. Buongiorno! Vorrei partecipare come guida, se ancora possibile, al cammino previsto tra il 24 e il 29 aprile 2024. Grazie, un saluto cordiale. Giovanna Cermelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.