Un quasi-morto. Sensazioni devastanti dopo il terremoto in Nepal

Ieri sono riuscito a pubblicare solo questo. Senza parole. Oggi le voglio trovare. Le voglio cercare tra le macerie e la polvere le parole per descrivere questa scossa. Un’onda d’urto che come uno tsunami ha viaggiato per mezza Terra e ha devastato anche me. Il mio orologio è ancora sincronizzato sul fuso di Kathmandu, su quelle strane 5:45 ore di differenza. Era il mio modo per sentirmi ancora un po’ là Sul tavolo una esposizione di souvenir.
Leggi

Off I go!

Tutto pronto. Cuore grande, Pensieri in fiamme. ‪#‎yellowtheworld‬ – Everest Edition inizia oggi. Vado perché voglio andare, ma anche per noi, non importa come vediamo o sentiamo. Per tutti i nostri limiti, qualsiasi essi siano. Sono pronto e preparato.
Leggi