Le Avventure di Giallocchio

260

Giallocchio, un simpatico personaggio con un solo occhio giallo oggi ha strane idee che gli frullano nella testa! Vive sul pianeta Giallo dove tutto è incredibilmente giallo, tra le varie cose straordinarie che vi si possono trovare c’è una super biblioteca in cui sono raccolti libri di ogni genere.

I preferiti di Giallocchio sono quelli geografici e scientifici e proprio ieri ne ha trovato uno dove si narrava di uno strano pianeta: la TERRA!

Curiosando tra le pagine del libro ha scoperto che in quel posto tutto è colorato ma non di giallo come qui! Lì gli alberi hanno la chioma verde e col cambiare delle stagioni cambia anch’essa di colore, gli abitanti indossano vestiti multicolore, il mare è blu, il cielo è azzurro, ci sono fiori e frutti di una miriade di colori e… sentite, sentite… se si è fortunati si può vedere anche l’arcobaleno che è un grande arco nel cielo di ben sette colori! 

 Giallocchio è molto curioso e per questo decide che deve assolutamente visitare la Terra, quindi prepara il suo zaino, ci infila qualche provvista, arrotola ben bene il sacco a pelo, dopo aver salutato tutti si incammina… ma verso dove? Come sarà possibile raggiungere lo strano pianeta?  

La risposta non tarda ad arrivare, c’è un vecchio saggio che vive sulle colline, è Giallecchio, l’orecchio giallo, lui ha una soluzione per ogni problema e quindi il nostro occhio si dirige proprio verso la sua abitazione, un posto silenziosissimo.

Dall’alto della sua saggezza  Giallecchio gli spiega che una possibilità c’è, sul pianeta esiste una stazione aerospaziale fornita di una navicella che può raggiungere qualsiasi posto nello spazio ma il viaggio è di sola andata e non essendo previsto un ritorno è chiaro che prima di partire bisogna pensarci molto bene, sicuramente dovrà affrontare degli imprevisti, dovrà superare numerose difficoltà!

Giallocchio ci pensa un attimo e poi annuncia: sa

– Ci sto, se è possibile parto oggi stesso! 

Ricevute le indicazioni per trovare la stazione, si mette in cammino. Ecco la navicella che, gialla  e splendente, sembra dirgli:

– Sali! Sono pronta a partire! 

E così il nostro avventuroso e curioso Giallocchio  sale, digita le coordinate della destinazione e in men che non si dica si ritrova sulla Terra!

Il primo impatto col nuovo pianeta non è il massimo: tutti quei colori lo confondono, non riesce a orientarsi con tutte quelle sfumature, non distingue ciò che lo circonda ma non si può arrendere, è solo all’inizio del viaggio e poi…non c’è la possibilità di tornare indietro. 

Così si mette in cammino e dopo qualche ora incontra Nello, un asinello proveniente dal suo stesso pianeta! Nello, che ovviamente è giallo, gli racconta la sua storia, anche lui anni fa era partito per vivere un’avventura ma una volta arrivato sulla Terra aveva avuto non pochi problemi ad orientarsi. Fortunatamente aveva incontrato una vecchina che abitava in una fattoria che per farlo sentire a suo agio aveva colorato la casa di giallo, seminato un campo di grano, uno di girasoli e con tutto quel giallo attorno Nello si era sentito rinascere, per questo, grato com’era alla nonnina, si era fermato li per aiutarla nei lavori più faticosi. Giallocchio rimane sbalordito, questa storia è bellissima, poter aiutare qualcuno gli sembra una grande idea e, ispirato,  saluta l’asinello e procede per la sua strada. Arrivato sulle rive del mare, su una bella spiaggia dorata si siede per riposare un po’ ma mentre tenta di osservare il mare, vede emergere un tritone dall’occhio giallo: Nettuno un altro abitante del suo pianeta! Anche lui aveva intrapreso il viaggio sulla navicella e una volta arrivato sulla terra aveva avuto molti problemi ma un giorno aveva incontrato un pesciolino triste e avvilito perché il fondo marino era un luogo buio e invivibile. Nettuno che se ne intendeva di cose luminose, suggerì all’amico pesce di far crescere sul fondo del mare tante alghe gialle e di coltivare coralli gialli, poi consigliò di radunare tutti i pesci gialli esistenti: ora sì che il fondale marino era diventato un posto accogliente! Anche  Nettuno ci stava bene e si orientava meglio, per questo ha deciso di fermarsi lì.

– Anche questa è una storia unica e speciale!

Pensa Giallocchio. Poter aiutare gli altri rende migliori anche noi stessi e ci è di grande aiuto!

Ora è ancora più deciso a fare qualcosa di bello per gli altri quindi saluta Nettuno e riparte. Non passa molto tempo che fa un nuovo incontro, caspita, un altro abitante del suo pianeta! 

Superocchio, un supereroe dall’occhio giallo! Che dire, anche lui inizia a raccontargli la sua storia, quella di un supereroe che, come nei migliori fumetti, vuole salvare chi è in pericolo, ma, come fare in questo mondo colorato dove gli occhi gialli non riescono ad orientarsi? 

Il gioco fu presto fatto, ispirandosi al libro “Il mago di Oz” chiese al sindaco del paese di colorare di giallo tutte le strade cosi lui dall’alto poteva orientarsi e vegliare sugli abitanti del posto che finalmente potevano vivere tranquilli e a sicuro! 

Ecco quindi che  anche lui aveva deciso di fermarsi in quel luogo così familiare per lui.

Giallocchio è convinto che tutti i suoi amici abbiano fatto cose straordinarie ma nel suo cuore è convinto che si può fare qualcosa di più e di più importante! Agita la mano in segno di saluto in direzione del supereroe e riparte.

Provate ad indovinare chi incontra dopo?  Esatto, proprio un altro abitante del pianeta giallo, Tino, il robottino dall’occhio giallo ma questa volta il nuovo amico non ha una  storia da raccontargli, pur essendo partito dal pianeta giallo per portare a termine un’impresa importante, una volta arrivato sulla Terra era rimasto troppo disorientato e non era riuscito a concludere nulla di buono, ritrovandosi tutto arrugginito.

Giallocchio pensa che questo è il giusto compagno di viaggio, insieme, unendo le forze, possono fare cose grandiose! 

Cose grandiose? 

Ma quali? 

Cosa si può fare di così bello e importante per tutti? 

I due si guardano nell’occhio che improvvisamente si illumina e sopra le loro teste si accende una luminosissima lampadina gialla! L’idea è nata ed è veramente straordinaria: costruire un ponte luminoso che unisce il pianeta giallo con la Terra e che permetta a tutti i personaggi gialli di tornare sul loro pianeta nei momenti di nostalgia e ai terrestri di esplorare una nuova realtà. Allora Tino seguendo le istruzioni di Giallocchioinizia a costruire un solido ponte con luminosi mattoni gialli.

Appena i lavori si concludono Giallocchio torna subito sul suo pianeta e incontra Giallcchio, quel’orecchio saggio che stava sui monti.  Lo avvolge in una grande orecchiate si complimenta con lui per ciò che ha fatto, tanto che lo insigne del titolo di vice-saggio.  

E sapete che cosa è successo da quel giorno? 

È successo che si è messo in moto un gran via vai di  occhi, orecchie e altri personaggi che passano da un pianeta all’altro. 

I terrestri, comprese le difficoltà degli abitanti del pianeta giallo e, ispirati dalle visite che hanno fatto lì, decidono di  utilizzare sulla Terra il colore giallo ovunque sia possibile così gli amici gialli si possono orientare meglio e loro possono comunque godere della gioia trasmessa da questo fantastico colore. 

Il nostro amico Giallocchio  che è intenzionato a lasciare a tutti i costi una traccia di sé, ha anche inventato un grazioso motto che se fate attenzione sentite anche ora riecheggiare in lontananza: YELLOW THE WORLD!!!!! Perché non proviamo ad urlarlo tutti insieme?

(Storia scritta da una maestra della Scuola Primaria Don Milani di Sant’Angelo di Piove di Sacco in occasione delle attività per il progetto Inclusione a Colori)

2 comments from the community

  1. Complimenti per le vostre iniziative a sostegno di ipovedenti e sul tema dell’inclusione.
    Nel 2024 organizzerete cammini, viaggi, tour? Se sì, come si fa a saperlo, grazie mille.
    Continuate così!!!

  2. Ciao, grazie del tuo commento e apprezzamento.
    Vai al menu EVENTI che e’ sempre aggiornato, ma per avere le notizie in anteprima dovresti farti socia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.