Comment this post

Please Login to comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
newest oldest most voted
Notify of

Ciao Danilo,
innanzitutto grazie. Ogni volta che qualcuno esce dal suo guscio per condividere un pezzetto di sè, è un dono per tutti. Come dici bene tu, l’ipovisione è un limite che da fuori non si comprende mai perfettamente, è difficile da comunicare e occorre tanto tempo e tanta attenzione per entrare nella nostra modalità di vita. Proprio per questo ogni voce che aiuti a descrivere questo mondo vario e complesso, è preziosa. Comprendo molto bene ciò di cui parli, e son certa che in tanti ti sentiamo vicino, non per compassione, ma per stima e rispetto di te e delle sfide che affronti a testa alta. Traspare forza, dignità, un desiderio di dare il meglio di sè. E questo è già un tesoro. E’ un paradosso che appare un po’ indigesto, ma posso dirti che ogni disavventura e ogni sfida è una chiave di accesso a nuove consapevolezze e nuovi tesori. Pensa a quanta fatica facciamo a viverci il presente, a quanto siamo portati ad affannarci in nome del domani, di quel che sarà o potrebbe essere. E tu stai cogliendo l’importanza del
resente. Non dare per scontato…

Dici che non sai trasmettere allegria, ma sei sulla strada giusta per
poter ritrovare quel talento, che non si è spento, ma fa parte di te.
Il sorriso e la tua capacità di far sorridere e sostenere gli altri
non è scomparsa. Solo che in una vita siamo chiamati a imparare ogni
cosa e il suo contrario. Siamo chiamati a sostenere ma anche a
imparare a chiedere aiuto e sostegno, e come dici tu, trovarsi in
difficoltà non è qualcosa di cui vergognarsi. tutt’altro. Siamo
chiamati ad accettare anche le nostre ombre e a darci il tempo della
rabbia e della sofferenza. Gioia e tristezza vanno insieme, rabbia e
pace sono facce della stessa medaglia e ogni emozione, ogni momento ci
dice qualcosa.
rendendoti lo spazio per apprezzare quel che ti circonda, e
soprattutto quello che sei, ricomincerai a sorridere.

Spero ci conosceremo presto.
Un sorriso – ritrovato –

Nadia

Danilo Ripoli

Ciao Nadia grazie per il commento, ho scritto queste parole, condividendole su Facebook, nel giorno del mio compleanno. Ed è stato difficilissimo farlo, come è stato difficile cominciare a parlarne, sul serio, qualche giorno prima con amici e parenti più stretti.
Sentivo di farlo, a costo di sembrare ridicolo, perché da qualche tempo stavo andando perennemente a braccetto con un malessere e mi sono reso conto che, questa volta, da solo non riuscivo ad uscirne.

Sono passati pochi giorni ma credo proprio di poter affermare che ho fatto la cosa migliore, perché ho trovato subito comprensione e supporto da chi mi sta vicino. Ho finalmente reso la dimensione reale delle mie difficoltà e sopratutto ho fatto comprendere come vedo le cose e quali sono le situazioni in cui voglio fiondarmi che al momento possono farmi star bene.
Fino a pochi giorni fa mi sembrava tutto tremendamente difficile,e invece le soluzioni erano li, a portata di mano, bastava solo parlarne.
E oggi eccoci qua, con un animo trasformato e con un malessere per il momento sparito, sparito insieme alla fatica di parlare con gli altri.
Anche se so che per noi non c’è nulla di definitivo, che torneranno momenti bui e difficili, sui quali non abbiamo potere. Ho almeno la consapevolezza di riprendermi il presente, perché sul presente il nostro potere decisionale possiamo applicarlo.
Fino a qualche giorno fa non avrei mai scritto su fb, non avrei mai accettato di condividerlo sul web mettendoci la faccia e invece oggi non mi pongo minimamente il problema, anzi provo piacere vedendo se qualcuno ci si immedesima, se per qualcuno magari può essere uno sprono a cercare soluzioni.
Mi piace l’idea e l’approccio di noisyvision, senza star lì a piangersi addosso, a sperare che qualcosa succeda, a rincorrere fantomatiche soluzioni che al momento non esistono.
La ricerca e li che continua e magari le soluzioni un giorno arriveranno, ma noi lavoriamo sul presente, sul provare a conquistare ciò che crediamo ci possa far star bene.
e magari insegnamo ai più giovani o a chi comincia ad imbattersi nelle nostre malattie a riconoscere i veri limiti che non sono superabili e a metterci sempre le palle per prendersi tutto il resto, tutto il prendibile.

Un abbraccio
Danilo