Prima Newsletter del Retina International Special Interest Group (SIG) sulla Sindrome di Usher

96

La prima newsletter di RI USH SIG

Il gruppo di interesse speciale di Retina International per la sindrome di Usher (RI USH SIG) ha lanciato la prima newsletter per condividere informazioni aggiornate sui progressi della sindrome di Usher in tutto il mondo.

In allegato la prima edizione della newsletter (in inglese). Se desideri ricevere questa newsletter specifica per Usher in futuro (in inglese), fai clic su questo link per iscriverti e sentiti libero di condividere questo link e le informazioni all’interno delle tue organizzazioni o con chiunque desideri tali informazioni.

Dal comitato del RI USH:

‘Speriamo che ti sia piaciuta la nostra newsletter inaugurale. Siamo molto impegnati a rendere accessibili le nostre comunicazioni. Se desideri ricevere questa newsletter in un formato alternativo, ti preghiamo di farcelo sapere inviando un’e-mail a [email protected] e ci impegneremo a pubblicare newsletter future nel tuo formato preferito.

Torneremo presto con notizie interessanti. Per assicurarti di non perdere nessuna notizia importante sulla ricerca USH, studi clinici e sondaggi iscriviti qui.

Questa newsletter inaugurale è stata scritta grazie a Dominique Sturz, Melissa Chaikof, Carol Brill, Isabelle Audo.

Puoi scaricare una copia della newsletter da qui (in inglese)

 

Traduzione in Italiano

a cura di Dario Sorgato
(si declina ogni responsabilità per imprecisioni nella traduzione)

Retina International Special Interest Group (SIG) sulla sindrome di Usher – RI USH SIG Newsletter – Terapia genica per la sindrome di Usher in studi clinici – un aggiornamento (agosto / settembre 2019)

All’interno di Retina International abbiamo recentemente istituito il gruppo di interesse speciale per la sindrome di Usher e uno dei nostri obiettivi principali è quello di informare tutte le persone e le famiglie con la sindrome di Usher – unite o meno a qualsiasi organizzazione o gruppo – su notizie di ricerca aggiornate e affidabili garantire che non perdano alcuna opportunità di coinvolgimento nella ricerca, negli studi clinici e nell’accesso definitivo alla terapia.
Iniziamo con un aggiornamento della terapia genica per gli studi clinici per la sindrome di Usher.

USH1B:
UshStat – SAR421869
https://clinicaltrials.gov/ct2/show/record/NCT01505062?cond=Usher+Syndrome%2C+Type+1B&rank=3

UshStat è ora chiamato SAR421869 e gli studi clinici si svolgono a Parigi (Hôpital National 15-20) e Portland (Casey Eye Institute), Oregon, USA. È una terapia sostitutiva genica in cui una copia corretta di Myosin7A viene iniettata nella retina tramite un vettore chiamato lentivirus, che ha la capacità di trasportare un gene delle enormi dimensioni di MYO7A. UshStat è stato sospeso nella Fase 1/2 dal dicembre 2018 dopo che Sanofi l’ha rimosso dalla loro pipeline. Nel loro comunicato stampa del febbraio 2019, hanno annunciato che stavano cercando un partner fuori licenza e / o co-sponsor. Vi terremo aggiornati non appena ci saranno novità da parte loro.

USHther AAV8-MYO7A
Un consorzio attorno ad Alberto Auricchio (TIGEM Theleton Institute of Genetics and Medicine, Napoli, Italia) ha lavorato su due vettori AAV per studi non clinici e una sperimentazione clinica. Attualmente la sicurezza, la biodistribuzione e l’espressione dei vettori AAV doppi sono in fase di valutazione nei primati, e la sperimentazione clinica multicentrica di fase 1/2 per indagare sulla sicurezza e l’efficacia dei vettori AAV-MYO7A doppi nell’uomo è stata progettata. Attualmente stanno reclutando per uno studio di storia naturale con una coorte di pazienti USH1b a Napoli, Italia, Madrid, Spagna e Rotterdam, Paesi Bassi. Per i dettagli, consultare: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03814499?cond=Usher+Syndrome%2C+Type+1B&rank=1

Ricerca pre-clinica USH1B
L’organizzazione benefica californiana SaveSightNow ha collaborato con la Fondazione statunitense Fighting Blindness per raccogliere fondi per la ricerca medica leader nei trattamenti correlati a USH1B. I candidati al supporto includono lo sviluppo della terapia di aumento genico USH1B, la creazione e la caratterizzazione di un modello USH1B primitivo non umano, la funzione proteina / cellulare USH1B collegata alle misure cliniche di esito e lo sviluppo della terapia di editing genetico basato su HITI USH1B.
www.savesightnow.com

USH1C
Gwanaëlle Géléoc e il suo team all’ospedale pediatrico di Boston sono riusciti a ripristinare l’udito e l’equilibrio in un modello murino con USH1C introducendo una copia salutare della proteina Harmonin con l’aiuto di un vettore AAV.

Jennifer Lentz ha dimostrato che un diverso approccio chiamato trattamento oligonucleotidico antisenso (ASO o AON) dei topi con la mutazione Usher umana Ush1c c.216G>A (prevalente nelle comunità arcadiche) corregge l’espressione genica e migliora significativamente l’udito. Paragona il salto dell’intero esone 3, che potrebbe essere usato su più mutazioni USH1C, con una sequenza più piccola diretta per la mutazione 216. Sta inoltre conducendo uno studio di storia naturale sulla perdita della vista nei pazienti USH1C.

Kerstin & Uwe Wolfrum e i loro team hanno sviluppato un modello transgenico di suino USH1C e hanno studiato il read-through traslucido inducendo farmaci in modelli di topo e maiale con USH1C (p. R31X). Questo approccio potrebbe servire come opzione terapeutica per mutazioni senza senso nelle distrofie retiniche ereditarie.

USH1D
Un team italiano (Napoli) ha testato il trasferimento genico retinico nelle retine di topo e suino utilizzando i vettori AAV tripli per massimizzare la capacità di trasferimento di geni più grandi coinvolti nelle distrofie retiniche ereditarie come USH1D. La traduzione era sufficiente, i tripli vettori AAV potevano abilitare la terapia genica per USH1D.

USH1F
Numerosi ricercatori stanno lavorando allo sviluppo della terapia genica per Usher 1F utilizzando tre approcci diversi, doppio vettore genico diviso, mini-gene e editing di base. I team di ricerca includono Monte Westerfield, PhD, University of Oregon, Zubair Ahmed, PhD, University of Maryland, Livia Carvalho, PhD, Lions Eye Institute, University of Western Australia, Leah Byrne, PhD, University of Pittsburgh, David Corey, PhD, Harvard Scuola di medicina con Artur Indzhykulian, PhD, Massachusetts Eye and Ear e Alex Hewitt, MD, PhD, Center for Eye Research Australia. Attualmente nei test sui modelli di topo e pesce zebra sono gli approcci a doppio vettore e mini gene del gene diviso.

USH1G
Christine Petit e il suo team hanno parzialmente ripristinato la funzione dell’orecchio interno e rimosso quasi completamente il difetto di equilibrio in un modello murino di USH1G mediante trasferimento virale del cDNA di tipo selvaggio nell’orecchio interno di topi mutanti poco dopo la nascita. I risultati forniscono una base per futuri studi clinici sull’uomo.

USH2A
STELLAR:
STELLAR, o PQ-421a-001, è un primo studio sull’uomo che includerà inizialmente circa 18 adulti che hanno perdita della vista a causa di mutazioni nell’esone 13 del gene USH2A e sarà condotto in circa sette siti di esperti in Nord America e l’Europa. QR-421a è progettato per escludere l’esone 13 dall’mRNA USH2A, rimuovendo così la mutazione nell’esone 13. Questo approccio è anche noto come salto dell’esone. L’RNA è il “progetto” per la sintesi proteica. Il salto dell’esone 13 nel “progetto” dovrebbe portare a una proteina Usherin ridotta ma funzionale.

Il processo è attualmente in corso e ulteriori informazioni al riguardo sono disponibili su questo link
https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03780257?term=proqr&rank=1

Pre-clinica:
Carla Fuster Garcia (Valencia, Spagna) e il suo team hanno studiato con successo la modifica del gene CRISPR / Cas9 nella mutazione USH2A c.2299delG sui fibroblasti. È stata dimostrata la corretta riparazione delle mutazioni in vitro. La comprovata efficacia e specificità di questi strumenti di correzione indica che il sistema CRISPR dovrebbe essere considerato per esplorare ulteriormente un potenziale trattamento dell’USH.

USH3A
La dott.ssa Dinculescu e il suo team dell’Università della Florida hanno lavorato allo sviluppo di approcci terapeutici per USH3A, che è causato da mutazioni in un piccolo gene: Clarin-1 (CLRN1). La trasfezione perinatale delle cellule ciliate nei topi con una singola iniezione del vettore AAV-Clrn1-UTR ha mostrato la conservazione della struttura del fascio di capelli e l’udito durante la vita adulta. Stanno anche studiando progetti di vettore AAV ottimizzati per sviluppare un trattamento di terapia genica per la perdita della vista in USH3A con il potenziale per fornire una base per futuri studi clinici sull’uomo.
Kumar Alagramam sta lavorando con Case Western Reserve e University Hospitals (Cleveland, USA) su una tecnologia che consente di sviluppare un modello animale più preciso di perdita dell’udito associato a USH3A e che ha il potenziale per preservare l’udito attraverso la terapia genica e servire come una base per lo sviluppo di terapie geniche per altri sottotipi della sindrome di Usher.

Speriamo che ti sia piaciuta la nostra newsletter inaugurale. Siamo molto impegnati a rendere accessibili le nostre comunicazioni. Se desideri ricevere questa newsletter in un formato alternativo, ti preghiamo di farcelo sapere inviando un’e-mail a [email protected] e ci impegneremo a pubblicare newsletter future nel tuo formato preferito.

Torneremo presto con notizie interessanti. Per assicurarti di non perdere nessuna notizia importante sulla ricerca USH, studi clinici e sondaggi iscriviti qui: http://www.retina-international.org/updates-from-the-ri-ush-special-interest-group/

Questa newsletter è stata scritta grazie a Dominique Sturz, Melissa Chaikof, Carol Brill, Isabelle Audo.

Il comitato RI USH SIG è composto da:
Dominique Sturz, Austria (coordinatore)
Melissa Chaikof, Stati Uniti
Carol Brill, Irlanda
Dario Sorgato, Italia

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.