Recupero parziale della funzione visiva in un paziente cieco dopo terapia optogenetica

0

Tradotto un articolo in inglese su TIME
Articolo originale qui

L’oscurità scende lentamente per le persone con retinite pigmentosa (RP), una malattia degenerativa dell’occhio che colpisce 2 milioni di persone in tutto il mondo. La condizione viene tipicamente diagnosticata durante l’infanzia o l’adolescenza, ma può essere necessario fino alla mezza età prima che la vista di una persona si sia deteriorata abbastanza gravemente da essere completamente o effettivamente cieca. Quando le luci finalmente si spengono, però, restano spente.

O è così che andavano le cose. In uno studio innovativo pubblicato oggi su Nature Medicine (leggi qui), i ricercatori riportano un modo relativamente semplice ma straordinariamente efficace per ripristinare la visione parziale nei pazienti con RP, uno che, con ulteriori studi, potrebbe presto avere ampia applicazione.

La chiave sta nei fotorecettori a forma di bastoncello che governano principalmente la visione periferica e nei recettori a forma di cono che ci danno la nostra visione centrale del mondo. Nelle persone con RP, le mutazioni in più di 70 geni causano un lento deterioramento dei bastoncelli, che porta alla visione a tunnel, e successivamente dei coni, che porta alla cecità. La luce fluisce ancora nell’occhio attraverso la lente inalterata e quella luce potrebbe ancora arrivare al cervello attraverso il nervo ottico. Ma la retina, che si trova tra i due, non funziona più.

Un team di ricercatori, guidato dal dott.José-Alain Sahel, professore di oftalmologia alla Sorbonne University e all’Università di Pittsburgh, tuttavia, ha pensato di poter avere un modo per riportare la retina in gioco: ChrimsonR, una proteina che apre l’elettricità canali nei neuroni e li rende reattivi alla luce. Il trucco era trovare un modo per fornire la proteina e la risposta era manipolare geneticamente un adenovirus innocuo in modo che portasse ChrimsonR; il virus è stato quindi iniettato nella parte piena di liquido dell’occhio dietro la lente.

“Il ChrimsonR stimola l’attività elettrica”, afferma Sahel. “Trasforma le cellule e le rende in grado di assorbire la luce, anche se ci vuole un po ‘, circa quattro mesi, perché le cellule assorbano il virus e la proteina con esso.”

Studi sui primati non umani hanno dimostrato che la tecnica non ha danneggiato l’occhio e ha anche aiutato i ricercatori a stabilire la dose corretta di Chrimson4 per sensibilizzare le cellule della retina. Per la sperimentazione umana, Sahel e il suo team hanno lavorato con un uomo di 58 anni a cui era stata diagnosticata la RP 40 anni prima e la cui visione era limitata alla percezione della luce rudimentale. Trattarono il cattivo funzionamento dei suoi due occhi – per risparmiare quello leggermente più sano se qualcosa fosse andato storto con l’esperimento – e gli iniettarono una singola dose del virus alterato.

Supponendo che l’esperimento abbia funzionato, i passaggi successivi non sarebbero stati così semplici come aspettare i quattro mesi richiesti o giù di lì fino a quando la vista dell’uomo non fosse semplicemente tornata nell’occhio trattato. ChrimsonR non è neanche lontanamente sufficiente a ripristinare l’interazione squisitamente complessa di coni e bastoncelli che danno agli occhi sani la loro visione ricca, colorata e tridimensionale del mondo. Piuttosto, sensibilizza le cellule principalmente nello spettro dell’ambra, rendendo le forme e le ombre distinguibili a quella frequenza di colore. Inoltre, una retina sana reagisce in tempo reale alla quantità e all’intensità della luce che la colpisce, diventando più reattiva in condizioni di scarsa illuminazione e meno reattiva alla luce intensa, per prevenire danni alle cellule della retina. Per vedere attraverso l’occhio trattato, il paziente deve indossare un paio di occhiali che sposta la luce in entrata nello spettro ambrato e la regoli a un’intensità sicura.

“L’occhio ha bisogno di molta luce, ma c’è il pericolo che possa essere un livello tossico”, dice Sahel. “Senza gli occhiali potrebbe essere come se il paziente guardasse direttamente il sole.”

In attesa che il ChrimsonR abbia effetto, i membri del team di Sahel hanno lavorato con il paziente, addestrandolo con gli occhiali e eseguendo test per vedere se poteva distinguere gli oggetti posti su un tavolo, indicarli, contarli e raccoglierli. Nel corso di ripetute prove, non ci sono stati risultati – fino a quando alla fine, come ricorda Sahel, ha ricevuto una chiamata da uno dei membri del suo team con un semplice messaggio: “Ci vede”.

Intorno al termine dei quattro mesi, il soggetto ha iniziato a ottenere risultati notevoli in tutti i test di laboratorio. E nei mesi successivi a quella svolta, è diventato in grado di navigare nel suo mondo in modi nuovi: può rilevare le strisce pedonali a un incrocio e contare il numero di strisce bianche che lo delimitano; percepire oggetti come un piatto, una tazza e un telefono; individuare un mobile in una stanza e vedere una porta in un corridoio. “Può anche”, aggiunge Sahel, “rilevare dove si trovano le persone”.

Sahel ritiene che i risultati saranno duraturi o addirittura prossimi al permanere. “Pensiamo che questo potrebbe durare almeno 10 anni o potrebbe durare per tutta la vita”, dice. “In caso contrario, possiamo sempre tornare indietro e iniettare nuovamente.”

Quanto al fatto che il trattamento sia pronto per l’applicazione pratica oltre all’unico paziente, Sahel afferma che la risposta è “un piccolo sì e un grande no”. Il piccolo sì è che il lavoro era solo uno studio di fattibilità (ma in ogni caso è riuscito in modo spettacolare).
Il grande no è che è necessario condurre molte più ricerche per saperne di più sui livelli di dosaggio, per migliorare sia gli occhiali che la formazione che i pazienti seguono per usarli e per capire quando nel corso della RP di una persona è il giusto .È ora di iniziare il trattamento — Sahel osserva che per ora, almeno la procedura è solo per le persone con malattia molto avanzata. “Le persone con RP possono mantenere una visione centrale per molti anni”, afferma. “Devi sempre valutare il vantaggio rispetto al rischio.”

2 comments from the community

  1. Very Exciting. I am happy for the subject,very happy. Would a subject with Usher 1F be a candidate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.