Blu cielo, blu mare. Daniele Cassioli e Sabrina Papa per parlare di sport

26

Colore blu. Colore del mare. Colore del cielo che fa sognare.
Fa sognare di gettarsi nelle onde che si infrangono sugli scogli o sulla sabbia per scoprire un mondo meraviglioso e sentirsi liberi.
Fa sognare di volare su nel cielo, sempre più su, per raggiungere nuovi, infiniti orizzonti.

Questi sono stati i sogni che Daniele Cassioli e Sabrina Papa, non vedenti, hanno realizzato nella loro vita
Daniele Cassioli è nato a Roma, ma vive a Gallarate (Varese) e fin dalla sua infanzia a cercato di superare con coraggio tutte le prove causate dalla disabilità visiva
Ha cominciato a praticare sport fin dall’età di tre anni, dedicandosi prima al nuoto, poi al karate, poi allo sci alpino ed infine allo sci nautico
Per quanto riguarda quest’ultimo, ha partecipato a moltissime gare ed ha vinto numerosissime medaglie d’oro e d’argento nei vari campionati europei e mondiali
Si è anche laureato come fisioterapista ed ha esercitato questa professione per dieci anni; ora collabora con Il CONI presso l’istituto di medicina e scienza dello sport.
Oltre allo sport, ama la musica e suona il pianoforte.
Nel 2018 pubblica il libro “Il vento contro“, edito da De Agostini, un romanzo autobiografico in cui Daniele racconta come è riuscito ad affrontare e superare tutte le difficoltà che la vita gli ha riservato
Nel 2019 ha fondato Real Eyes Sport, associazione dilettantistica sportiva il cui scopo è soprattutto promuovere attività sportive rivolte a ipo e non vedenti, dato che egli crede moltissimo nella utilità dello sport per le persone disabili

Parliamo ora di Sabrina Papa.
Questa ragazza non vedente, originaria della Puglia, fin da bambina, guardando il cielo, sognava di volare, ma pensava che questo suo desiderio sarebbe stato irrealizzabile.
Invece lei, programmatrice informatica di professione, è diventata pilota di aereo, pur non vedendo.
Anni fa, su facebook, ha scoperto l’esistenza di pattuglie acrobatiche con due piloti in carrozzina ed uno normodotato.
Si è avvicinata a questa associazione ed ha iniziato a viaggiare come passeggera, ma poi, un giorno, l’istruttore le ha chiesto di imparare i comandi a memoria e così è cominciata la sua avventura come pilota.
Grazie all’aiuto del suo istruttore che le ha insegnato come maneggiare un aereo, Sabrina ha ora moltissime ore di volo ed il suo sogno è diventato realtà.

Se volete saperne di più, guardate la diretta di giovedì 23 luglio, dato che Daniele e Sabrina saranno i nostri ospiti.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.