La perdita della vista è un lutto

546
La perdita della vista è un lutto per chi la vive. Bisogna poi riuscire a scappare dalle grinfie tetre della depressione. Ti crolla il mondo, ti sembra che la vita sia finita. Prima di avere la voglia e la forza di ricominciare da zero vorresti arrivate sotto zero, sotto terra, solo con il tuo problema. Sei solo, non perchè non ci siano persone che ti amano o ti capiscano ma solo perchè in quel momento poco importa che tu potrai farcela, che potrai vivere lo stesso: hai perso te stesso, la tua autonomia, le tue sicurezze, hai paura di perdere anche i ricordi visivi, di dimenticare i volti e non poter più apprezzare nulla.
Passi dal normo al disabile, dall’abile all’invalido, dalla persona al bisognoso, dal forte al debole. Un periodo duro, disincantato e disilluso, dove non credi di certo che il mondo possa capirti, sorreggerti e accettarti.
Piano piano cerchi di rinascere, sfogata tutta la rabbia, la delusione ti accorgi che è il momento di reagire e allora magari per caso incontri una persona che ti cambia la vita: un Amico, un passante, una persona carismatica.
Tu sei lì, che forse riesci ad abbassare le mura che ti hanno finora nascosto e protetto e lasci ancora spazio a qualcuno o qualcosa di darti speranza; qualcuno o qualcosa che ha la forza di farti riflettere e sperare.
A tutte le persone che dopo una grande sfiga hanno perso la vista vorrei oggi augurare tanta Felicità, vorrei regalare un abbraccio, mi piacerebbe molto saperle pronte a ripartire.
La disabilità non si accetta mai completamente perchè nessuno accetta mai un lutto, si vive cercando di essere Felici cercando di tirarsi su e come una costruzione di Lego, rimettere insieme i mattoncini restanti facendo a meno di quelli persi ma avendo voglia di averne di nuovi.
La vera Forza sta nel conoscere e superare la propria debolezza, saper chiedere aiuto quando serve e lasciare entrare ancora qualcuno nel nostro cuore ferito e ricucito.
Facile? NO!
Ma nessuno hai mai detto che vivere sia semplice, ancor di più essere Felici.
Giovanni Maria Vaccaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.