Lettera ai camminatori. Buon Cammino, tra fango e cuore.

192

Mentre Victor si allena per correre la Maratona, nove ipo e non vedenti si preparano per camminare lungo La Via degli Dei
Nadia Luppi – L’Ascolto che trasforma aveva scritto sul nostro blog alla vigilia della sua partenza. Ora, con quell´esperienza nella memoria, scrive a coloro che si metteranno in viaggio.
Tra il consiglio e l´augurio, sembra un percorso a ritroso in tutto quello che lei stessa ha vissuto, imparato e messo tra il fango e il cuore.

Foto in cui si vedono le gambe di alcuni camminatori in fila su terreno fangoso

 

Mancano davvero poche ore e partirete. Sarete voi stavolta a posare gli scarponi su quei sentieri magici, voi a dare il meglio, voi a raccogliere quell’energia di Madre Terra e voi a illuminare di giallo la Via degli Dei. E dentro la nostalgia dei ricordi, si fa spazio la gratitudine per  la consapevolezza che ci sono tante anime desiderose di camminare nella vita e scoprire qualcosa di più in sè stessi e nei propri passi.

La Via degli Dei non è solo un itinerario di trekking. Non è solo un percorso naturalistico. Non è solo una prova sportiva e di resistenza fisica. Non è soltanto una sfida alla vostra attenzione e alla vostra capacità di reggere la fatica. Il cammino che vi attende è molto più ricco e sta a voi coglierne i doni, quelli più facili da individuare e quelli più nascosti e inaspettati. E già vi ringrazio, perchè con voi, camminerò un po’ anch´io.

Ricordatevi sempre, ogni giorno, la prossima settimana e sempre, che ciò che vi circonda – le persone e anche la natura – è uno specchio di voi. La bellezza prima di tutto, è specchio della vostra bellezza interiore. E sappiate fin da subito che lungo quei sentieri come nella vita, la bellezza prende tante strade. Quella delle immagini, dei colori e delle luci che entrano dagli occhi. Ma arriva all’anima anche attraverso un odore che penetra nel naso e vi si appiccica alla pelle. Prende la via del suono, coi rumori delle scarpe sui sassi, dei bastoni sulla terra battuta, gli uccelli e il vento tra i rami.. Saranno bellezza anche le voci dei compagni, le parole, i sorrisi, gli abbracci e i respiri.
Lasciate che tutto questo entri nel cuore e lì lo ritroverete anche dopo mesi, per sempre io credo. É bellezza anche il ticchettio della pioggia sulla mantella o lo scrosciare dell’acqua durante il temporale. Sarà bellezza la foglia e sarà bellezza la corteccia di un albero, un prato che vi accoglie e i sassi ruvidi. Sembra difficile a credersi ma c’è la bellezza anche dietro un broncio, un brontolìo e un attimo di incomprensione con chi abbiamo accanto, un passo falso e una caduta.

Si può inciampare. Si può cadere. Ma come facevamo da piccini, ci si rialza e si cammina ancora. Perchè tutti inciampiamo e cadiamo.  Subito, dopo un po’, ognuno cade e si rialza coi suoi tempi. Nessuna fretta, solo la fiducia che inciampare è normale per chi cammina, che si tratti di raggiungere Firenze o sè stessi. E anche le cadute sono un dono, ve ne renderete conto quando ci ripenserete e saprete di quanto coraggio siete stati capaci soltanto scegliendo di  rialzarvi, e di far seguire al momento della caduta, un nuovo cammino.

Potreste avvertire il timore di non farcela,  a tratti vi potreste sentire inadeguati, o vivere qualche attimo di paura. La montagna è severa e non ha un carattere facile. Nel dubbio respirate e con prudenza, puntate i bastoni, mettete un piede davanti all’altro, lasciatevi guidare   e sappiate che andrà tutto bene. Non resistete alla paura. É una compagna di viaggio, ha il dovere di assisterci e proteggerci dai guai. É’ l’altra faccia del coraggio. Niente di più e niente di meno. Ricordate che sono solo attimi, che anche la paura passa, basta accoglierla e respirarci dentro, sapere che passerà perchè dopo quel momento ce ne sarà un altro in cui quella stessa paura sarà un ricordo e lascerà spazio alla gioia di un passo in avanti fatto e onorato. E se sentite il bisogno di chiedere aiuto, nella paura o anche un attimo prima, chiedete aiuto.  Ascoltatevi dentro per capire ciò di cui avete bisogno e chiedete. Scoprirete che gli altri sono lì per voi ogni volta che possono, ognuno con il suo quando e il suo come, che non ha nulla a che fare con voi. Ognuno ha il diritto di chiedere aiuto, ognuno ha il diritto di dare aiuto in accordo con sè stesso. Abbiate il coraggio di chiedere e aprite le mani per ricevere.
La Vita sa.

É sempre una questione di momenti, di presente. Non è ieri e non è domani. É il passo che state facendo. É solo quello che conta. É l’unica terra su cui state mettendo i piedi in questo preciso istante. Non quella che avete conosciuto ieri, non quella che toccherete domani. Questa terra. Oggi. Ora. I vostri piedi. Ora. É lì tutto ciò di cui avete bisogno, tutto ciò che vi può nutrire e tutto ciò che può darvi la risposta. É’ nel presente che potete sentire la bellezza, toccarla, annusarla, gustarla.

E contemplando la bellezza, è nel presente che potete innamorarvi. Di ogni curva dell’orizzonte, di ogni albero, del vento e del sole, di un tramonto e dell’odore della corteccia e della terra bagnata. Il miglior balsamo per le nostre menti confuse e piene di pensieri? Lasciarsi cogliere dall’attimo presente, dalla bellezza di una risata inaspettata, dalla profondità di una parola,  dalla delicatezza o dal fragore di una lacrima o di un sorriso. Lasciarsi cullare nel silenzio, accoglierlo e scoprirci dentro sè  stessi e il mondo.

E quando vi sarete innamorati di ciò che c’è fuori di voi, ricordatevi dello specchio. Ogni bellezza che vedete fuori e tutto ciò che sa farvi innamorare, c’è perchè vive già dentro di voi. E così, non vi resta che innamorarvi anche un po’ di voi, dei vostri passi, dei vostri sorrisi, delle vostre lacrime e dei vostri limiti. Perchè avrete scoperto che tali forse non sono.

La meraviglia non è nella perfezione ma è sempre nell’autenticità che non si ripete, nell’unicità che sorprende, nel nostro essere unicamente, inspiegabilmente, irrazionalmente incoerentemente ma semplicemente… Umani.

 

Dal cuore,
Buon Cammino.
Nadia

Commenta l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...