Un’idea per l’estate da ipovedente: un giro in kayak.

107

Sono uno dei partecipanti di “Anche Agli Dei piace Giallo” e meno di due mesi fa camminavamo tra Bologna e Firenze. Dopo il trekking, i partecipanti hanno condiviso alcuni messaggi nel loro gruppo WhatsApp. Alcuni dei messaggi riguardavano esperienze di trekking nei paesi d’origine. In effetti, la passione per il trekking è uno dei motivi per cui abbiamo aderito alla camminata. Tuttavia, alcuni giorni fa ho scritto: Ho fatto 30 km pagaiando in kayak.

IMG_3225

Volevo condividere una nuova esperienza e una nuova idea!

Ho la passione per il kayak da quasi dieci anni. Mi riferisco al kayak per uso ricreativo (= i kayak che hanno spazio per mantenere il proprio equipaggiamento asciutto. Non la versione olimpica.)

Con questo post voglio provare a dare voce al messaggio di NoisyVision, ovvero di come guardare oltre ai limiti, oltre a quelli che immaginiamo come tali.

Anche se io sono considerato un ipovedente, posso ancora vedere abbastanza bene. Ma quando sono con normovedenti mi sento come se fossi cieco. Per questo sono costantemente alla ricerca del mio posto tra i normovedenti e gli ipovedenti e costantemente alla ricerca di cose che posso ancora fare.

Quindi, vediamo come si può fare un giro in kayak, anche se si è ipovedenti.

Ci sono molte regole e competenze che si imparano durante il corso di orientamento e mobilità che possono essere applicati anche al kayak.

  1. In primo luogo, è necessario sapere dove sei! Nella vita quotidiana gli ipovedenti hanno limitate possibilità di leggere i cartelli segnaletici, vedere i gradini, osservare punti di riferimento, relazionarsi ad altre persone, camminare a piedi nel traffico, ecc Ma, ehi, il kayak galleggia e si muove su una cosa strana in movimento, ma almeno si hanno tutte le possibilità di prendersela con calma!
  2. Portare un telescopio per osservare i punti di riferimento (cioè isole, città o case sulla riva.)
  3. Portare mappe impermeabili ingrandite se si fanno percorsi lunghi.
  4. Andare ad una velocità di sicurezza così che anche se ci sono rocce sottomarine che non si romperete il kayak. Lasciate che i più veloci (barche) vadano avanti.
  5. Assicurarsi di essere visibile indossando un giubbotto giallo.
  6. Condividere la propria esperienza con qualcuno con una vista migliore.

Anche se questi potrebbero essere suggerimenti semplici, il mio intento è dimostrare come a volte sia sufficiente un’idea per godersi una grande avventura.

Ora che avete l’attrezzatura e un compagno, mettere il kayak in acqua e … pagaiate! E’ proprio come camminare o molte altre cose nella vita, una volta che si prova. non è così difficile.

La mia vista residua mi permetterebbe di andare  in kayak da solo, ma la mia ragazza era con me e lei è totalmente cieca. A volte prendiamo un kayak a due posti e di tanto in tanto ci prendiamo quelli con un sedile e li colleghiamo con una corda Come vedete è una questione di immaginazione e volontà di essere un po’ coraggiosi.

Aprite gli occhi e innamoratevi di questo sport!

Spero di aver innescato qualche idea e che durante l’estate qualcun altro vivrà altre grandi avventure e vorrà condividerle attraverso NoisyVision

Buona estate. Ciao da Helsinki!

IMG_3273

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.