QR-421a: Benefici su un paziente su quattro con Sindrome di Usher

144

Articolo originale in inglese su AP News

Decliniamo ogni reponsabilita’ per eventuali inesattezze nella traduzione, che vuole essere una informazione indicativa, ma non ufficiale.

QR-421a ha mostrato prove precoci e incoraggianti di attività, con il 25% dei pazienti che ha mostrato un beneficio attraverso molteplici misure di esito concordanti ed è stato ben tollerato senza eventi avversi gravi – QR-421a è il secondo programma di oftalmologia in cui l’attività clinica è stata predetta da modelli transalzionali, che convalidano ulteriormente la piattaforma – la pandemia di COVID-19 avrà un impatto sulle tempistiche della pipeline – ProQR anticipa che la sua pista di liquidità finanzierà le operazioni in nella seconda metà del 2022

LEIDEN, Netherlands & CAMBRIDGE, Mass., 31 marzo 2020 (GLOBE NEWSWIRE) – 31 marzo 2020 – ProQR Therapeutics NV (Nasdaq: PRQR) (la “Società”), una società dedicata a cambiare la vita attraverso la creazione di terapie trasformative di RNA per gravi malattie rare genetiche, oggi annuncia risultati positivi da un’analisi provvisoria di tre mesi pianificata del suo studio stellare di Fase 1/2 del QR-421a in adulti con sindrome di Usher e retinite pigmentosa non sindromica (nsRP) dovuta a USH2A mutazioni esone 13 . La Società fornisce anche un aggiornamento sulle operazioni commerciali in relazione alla pandemia di COVID-19.

“L’obiettivo dell’analisi intermedia di questo studio stellare di 24 mesi su QR-421a era valutare la sicurezza e i primi segni di efficacia allo scopo di informare i prossimi passi nello sviluppo e nella strategia di sperimentazione futura”, ha affermato David Rodman, MD, Executive Vice President di ricerca e sviluppo di ProQR. “Siamo soddisfatti dell’attuale profilo di sicurezza e siamo molto incoraggiati dai primi segnali di coinvolgimento del target e attività clinica supportati da benefici concordanti osservati attraverso misure di esito multiplo per il 25% dei pazienti trattati con QR-421a finora in questo studio. I risultati supportano il proseguimento della sperimentazione come previsto, sia con l’espansione di coorte che con l’escalation della dose al fine di identificare un potenziale percorso di sviluppo alla registrazione. È importante sottolineare che questi dati rappresentano il secondo programma della nostra pipeline di oftalmologia che è supportato da previsioni precliniche da organoidi retinici umani, fornendo ulteriore convalida del nostro approccio traslazionale e tecnologia della piattaforma. ”

Analisi intermedia di tre mesi di fase 1/2

L’analisi intermedia (IA) si basa sui dati di nove e tre mesi rispettivamente della prima e della seconda dose di coorte dello studio clinico Stellar Phase 1/2 di QR-421a, una terapia sperimentale con RNA. Lo studio stellare è uno studio randomizzato, a dose singola ascendente, multicentrico globale, longitudinale, di 24 mesi, che coinvolge una procedura attiva rispetto a quella fittizia. Le prime due coorti comprendono un totale di 14 soggetti (che vanno dai 24 ai 65 anni di età), di cui otto hanno ricevuto una singola dose di QR-421a e sei hanno ricevuto un’unica procedura fittizia per il mascheramento. Sei soggetti sono stati arruolati nella coorte da 50 µg (“dose bassa”), di cui quattro hanno ricevuto il trattamento e due sono stati randomizzati a simulare; otto pazienti sono stati arruolati nella coorte da 100 µg (“dose media”) di cui quattro hanno ricevuto il trattamento e quattro sono stati randomizzati a simulare. La popolazione variava nelle caratteristiche della malattia con soggetti affetti da sindrome di Usher (n = 6) e nsRP (n = 8) inclusi, background genetico con soggetti sia omozigoti (n = 4) che eterozigoti (n = 10) per le mutazioni dell’esone USH2A 13, e disabilità visiva al basale che varia da lieve a grave.

I principali risultati iniziali includono:

Dati di sicurezza: finora in entrambe le coorti è stato osservato che QR-421a è generalmente ben tollerato senza che siano stati osservati eventi avversi gravi. Dati di efficacia: nei sei soggetti trattati in modo fittizio (due seguiti per 9 mesi e quattro per 3 mesi), le misure di esito non hanno dimostrato uno schema di risposta coerente al di sopra del livello di “rumore”. Al contrario, due degli otto pazienti trattati con QR ‑ 421a (uno ciascuno nelle coorti di dose da 50 µg e 100 µg) hanno dimostrato benefici attraverso molteplici misure di esito concordanti.

– Risponditore 1: uno dei quattro pazienti trattati nel gruppo a basso dosaggio è stato classificato come risponditore, con l’inizio dell’azione osservato dalla visita di 3 mesi. Il beneficio è stato mantenuto per 6 mesi o più, il che è coerente con l’emivita prevista del QR-421a nei fotorecettori. Questo paziente con sindrome di Usher era omozigote per le mutazioni dell’esone 13 di USH2A e presentava una compromissione visiva moderata al basale (visione periferica interessata). Sono stati osservati benefici concordanti attraverso molteplici misure pertinenti appropriate alla gravità della malattia del paziente, tra cui test della soglia di stimolo a pieno campo (FST) [deterioramento di 5 dB nell’occhio non trattato, stabile agli occhi trattati], perimetria cromatica adattata al buio (DAC) [15 dB . miglioramento canadese della sensibilità periferica nell’occhio trattato, <5 dB. cambiamento canadese nell’occhio non trattato] e valutazione della tomografia a coerenza ottica (OCT) della zona di ellissoide del fotorecettore (area EZ). Per FST e OCT, l’occhio controlaterale e non trattato ha mostrato un modesto deterioramento mentre l’occhio trattato ha mostrato stabilizzazione. Per la perimetria DAC l’occhio non trattato è rimasto invariato, mentre l’occhio trattato ha mostrato un miglioramento.

– Risponditore 2: uno dei quattro pazienti trattati nel gruppo a dose media è stato classificato come risponditore con insorgenza d’azione osservata entro 3 mesi. Questo paziente con RP non sindromico era eterozigote per le mutazioni dell’esone 13 di USH2A e presentava una grave compromissione visiva al basale (affetto da visione centrale e periferica) con acuità visiva migliore corretta al basale (BCVA) di 33 e 36 lettere (equivalente di Snellen approssimativo: 20/250 e 20/200) nell’occhio trattato e non trattato, rispettivamente. Sono stati osservati benefici concordanti attraverso molteplici misure rilevanti appropriate per lo stadio della malattia tra cui FST (miglioramento di 12 dB nell’occhio trattato, nessun miglioramento nell’occhio non trattato), DAC (fino a 10 dB. Miglioramento canadese nell’occhio trattato, con deterioramento del non trattato occhio) e BCVA (miglioramento di 7 lettere dalla linea di base di 33 lettere, che è più di una riga sul diagramma dell’occhio ETDRS, rispetto a nessun cambiamento nell’occhio non trattato).

Passaggi successivi: in base al profilo di sicurezza e alle prime prove di efficacia finora osservate, la Società prevede di sfruttare il design adattivo ed espandere la coorte da 100 µg con soggetti aggiuntivi che sono omozigoti per le mutazioni dell’esone 13. L’escalation della dose a 200 µg (“dose elevata”) è prevista in parallelo. Verrà pianificata un’analisi intermedia della sicurezza e dell’efficacia dipendenti dalla dose e dalla copia genica una volta che tutti i soggetti aggiuntivi avranno raggiunto almeno 3 mesi di trattamento.

Aggiornamento aziendale relativo a Pandemia COVID-19

La pandemia COVID-19 è in rapida evoluzione e ha suscitato preoccupazioni per la salute globale, la cui durata, gravità e impatto esatto sono attualmente sconosciute e non possono essere previste con sicurezza. In consultazione con i siti di prova, a causa della pandemia di COVID-19, la Società prevede anche un ritardo in tutti i suoi studi in corso e programmati, incluso lo studio cardine di sepofarsen per l’amaurosi congenita di Leber 10. ProQR sta implementando procedure di mitigazione che supportano una rapida accelerazione l’iscrizione non appena si risolve l’interruzione, comprese ulteriori attività di identificazione del paziente e documentazione per ulteriori attivazioni del sito, dando priorità alla sicurezza dei partecipanti alla sperimentazione e dei fornitori di assistenza sanitaria. Per gli studi su QR-421a e QR-1123, i pazienti sono già stati identificati per le successive coorti di dosaggio e la Società prevede di iniziare il dosaggio non appena i siti clinici saranno pronti e in grado di farlo. Questo sarà lo stesso per l’inizio della sperimentazione clinica per QR-504a. Al momento la Società non ritiene che la catena di approvvigionamento ne risentirà.

A causa dei ritardi relativi a COVID-19, la Società ha avviato un processo di revisione del budget e ora prevede che la sua pista di liquidità finanzierà le operazioni nella seconda metà del 2022.

In questi tempi incerti, la salute e la sicurezza dei pazienti nelle nostre sperimentazioni, dei loro caregiver e dei nostri dipendenti rimane la nostra massima priorità. Riteniamo di aver adottato le misure appropriate progettate per limitare il loro rischio “, ha affermato Daniel A. de Boer, Amministratore delegato di ProQR. “Mentre gestiamo le sfide derivanti dalla pandemia di COVID-19, restiamo fiduciosi nei fondamenti della nostra attività, come dimostrato in parte dai dati che condividiamo oggi dal nostro programma QR-421a. Abbiamo una piattaforma produttiva, una profonda pipeline di terapie per l’RNA focalizzate sulle malattie ereditarie della retina e il vantaggio di un bilancio solido, che ci posiziona bene per sopportare l’interruzione attuale e continuare l’importante lavoro con le comunità che serviamo. “

Informazioni sulla sindrome di Usher di tipo 2 e sulla retinite pigmentosa non sindromica

La sindrome di Usher è la principale causa di sordità e cecità combinate. Le persone con sindrome di Usher di tipo 2 di solito nascono con perdita dell’udito e iniziano a perdere progressivamente la vista durante l’età adulta. La perdita della vista può verificarsi anche senza perdita dell’udito in una malattia chiamata retinite pigmentosa non sindromica. La sindrome di Usher di tipo 2 e la retinite pigmentosa non sindromica possono essere causate da mutazioni del gene USH2A. Ad oggi, non esistono trattamenti farmaceutici approvati o in fase di sviluppo clinico che trattano la perdita della vista associata a mutazioni nell’USH2A.

Informazioni su QR-421a

QR-421a è in fase di valutazione nello studio stellare di Fase 1/2 ed è una terapia sperimentale di RNA di prima classe progettata per affrontare la causa alla base della perdita della vista nella sindrome di Usher di tipo 2 e retinite pigmentosa non sindromica dovuta a mutazioni nell’esone 13 del gene USH2A. QR-421a è progettato per ripristinare la proteina Usherin funzionale utilizzando un approccio di salto dell’esone con l’obiettivo di arrestare o invertire la perdita della vista nei pazienti. QR-421a è destinato a essere somministrato attraverso iniezioni intravitreali negli occhi e gli è stata concessa la designazione di farmaco orfano negli Stati Uniti e nell’Unione Europea e ha ricevuto dalla FDA designazioni accelerate e di malattie pediatriche rare.

Informazioni sulla prova Stellar Phase 1/2 di QR-421a

Stellar, o PQ-421a-001, è un primo studio nell’uomo del QR-421a negli adulti che hanno perdita della vista a causa di mutazioni nell’esone 13 del gene USH2A ed è condotto in siti di esperti in Nord America ed Europa. È uno studio di 24 mesi a doppia maschera, randomizzato, che esplora la sicurezza e l’efficacia di una singola iniezione intravitreale di diversi livelli di dose di QR-421a e una procedura di controllo sham in un occhio.

Informazioni su ProQR

ProQR Therapeutics è dedicato a cambiare la vita attraverso la creazione di terapie trasformative di RNA per il trattamento di gravi malattie rare genetiche come l’amaurosi congenita 10 di Leber, la sindrome di Usher e la retinite pigmentosa autosomica dominante. Basandoci sulle nostre esclusive tecnologie proprietarie della piattaforma di riparazione RNA, stiamo facendo crescere la nostra pipeline pensando ai pazienti e alle persone care. * Dal 2012 *

DICHIARAZIONI PREVISIONALI

Questo comunicato stampa contiene dichiarazioni previsionali. Tutte le dichiarazioni diverse dalle dichiarazioni di fatti storici sono dichiarazioni previsionali, che sono spesso indicate da termini come “anticipare”, “credere”, “potrebbe”, “stimare”, “aspettarsi”, “obiettivo”, “intendere” “Guardare avanti”, “può”, “pianificare”, “potenziale”, “prevedere”, “progetto”, “dovrebbe”, “volontà”, “farebbe” ed espressioni simili. Tali dichiarazioni previsionali includono, ma non sono limitate a, dichiarazioni riguardanti QR-421a, lo sviluppo clinico e il suo potenziale terapeutico, i nostri altri programmi e operazioni commerciali, inclusi i tempi di inizio degli studi clinici e l’arruolamento dei pazienti in essi, le aspettative impatto del COVID-19 sulle nostre operazioni commerciali, compresi i nostri piani e tempistiche di ricerca e sviluppo e la catena di approvvigionamento per i nostri programmi clinici e di sviluppo, nonché la nostra posizione finanziaria e pista di liquidità. Le dichiarazioni previsionali si basano su convinzioni e ipotesi della direzione e su informazioni disponibili alla direzione solo alla data del presente comunicato stampa. I nostri risultati effettivi potrebbero differire materialmente da quelli previsti in queste dichiarazioni previsionali per molte ragioni, tra cui, a titolo esemplificativo, i rischi, le incertezze e altri fattori nei nostri documenti depositati presso la Securities and Exchange Commission, tra cui alcune sezioni della nostra relazione annuale archiviata nel modulo 20-F. Questi rischi e incertezze includono, tra l’altro, i costi, i tempi e i risultati di studi preclinici e studi clinici e altre attività di sviluppo da parte nostra e dei nostri partner collaborativi le cui operazioni e attività possono essere rallentate o interrotte dalla pandemia di COVID-19; la probabilità che i nostri programmi clinici vengano eseguiti secondo le tempistiche fornite e la dipendenza dalle nostre organizzazioni di ricerca a contratto e la prevedibilità di arruolamento tempestivo di soggetti e pazienti per far avanzare le nostre sperimentazioni cliniche e mantenere le proprie operazioni; la nostra dipendenza dai produttori a contratto per la fornitura di materiali per la ricerca e lo sviluppo e il rischio di interruzione della fornitura da parte di un produttore a contratto; il potenziale per i dati futuri di alterare i risultati iniziali e preliminari degli studi clinici nella fase iniziale; l’imprevedibilità della durata e dei risultati della revisione normativa delle domande o delle autorizzazioni necessarie per avviare e continuare ad avanzare e far progredire i nostri programmi clinici; la capacità di garantire, mantenere e realizzare i benefici previsti delle collaborazioni con i partner; la possibile perdita di valore, incapacità di ottenere e costi per ottenere i diritti di proprietà intellettuale; possibili problemi di sicurezza o efficacia che potrebbero emergere quando nuovi dati vengono generati in ricerca e sviluppo; e rischi generali di natura aziendale, finanziaria e contabile e contenzioso.

Dati questi rischi, incertezze e altri fattori, non dovresti fare eccessivo affidamento su queste dichiarazioni previsionali e non ci assumiamo alcun obbligo di aggiornare queste dichiarazioni previsionali, anche se nuove informazioni saranno disponibili in futuro, salvo quanto richiesto dalla legge .

Nota cautelativa sugli aggiornamenti futuri

Le dichiarazioni contenute in questo comunicato stampa riflettono le nostre attuali opinioni rispetto agli eventi futuri, che possono cambiare in modo significativo con il rapido sviluppo delle conseguenze globali della pandemia di COVID-19. Di conseguenza, non ci assumiamo e decliniamo espressamente alcun obbligo di aggiornare le dichiarazioni previsionali.

ProQR Therapeutics N.V.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.