Passi Gialli: la natura da condividere, con altri occhi

84

Il progetto “Passi Giall – Escursioni car fre for all” lanciato a Modena lo scorso 30 Marzo continua, e il prossimo 30 giugno è in programma l’ultima escursione di questa edizione 2019. Dopo aver camminato lungo il fiume Panaro e aver condiviso una giornata a zonzo tra suoni, odori e aver immerso le mani nell’argilla che cola dai vulcanetti del parco delle Salse di Nirano, i Passi Gialli porteranno ipovedenti, non vedenti e vedenti, tutti assieme e senza auto, verso il castello di Monfestino, dove si respira aria di Frignano. Ecco immagini e testimonianze di queste giornate così particolari.


Grazie a Marianna Grandi, fotografo, per gli scatti

Un’altra giornata piacevole e serena. Un’altra giornata in cui abbiamo camminato insieme, aiutandoci a vicenda, perché alcuni di noi non vedono, altri vedono poco e male, altri ancora vedono bene ma nell’ascolto scoprono di aver perso di vista qualcosa. Come un profumo, un suono, una sensazione.

“E’ sempre emozionante camminare con voi e condividere certi momenti di silenzio e di ascolto, chiudere gli occhi e concentrarsi sul cinguettio degli uccelli e sul fruscio dei rami” dice Marianna mentre scatta fotografie a noi e alla natura. Il protagonista dell’escursione dello scorso 28 aprile era il fiume Panaro, affluente del Po, con il suo scorrere, le sue pietre da toccare e la sua acqua fredda da assaggiare coi piedi scalzi, il luppolo da mettere in bocca per sentirne il sapore dopo averlo sfiorato e annusato. Lungo il cammino diverse pause per ascoltarsi, per conoscere la natura e ritrovare la pace del verde anche dentro di noi. Soste per riunirsi, conoscersi, raccontarsi e affidare al fiume sogni e desideri.

Domenica scorsa, 16 giugno, invece ci siamo lasciati cullare dai colori e dai profumi dei fiori, alcuni così rari da essere protetti, ed è stato dolce riposare sotto l’ombra degli alberi, condividendo uno spuntino e raccontando di cammini, sfide, ricordi e inventarsi progetti e possibilità camminando lungo i sentieri. E poi ascoltare Elisabetta che leggeva per tutti i pannelli illustrativi in braille e spiegava come si scrive e si legge la scrittura per i non vedenti. E infine giocare con il fango così profumato che cola dai vulcanetti chiamati “Salse”. Abbiamo preso in mano l’argilla secca, abbiamo affondato le nostre mani dove il fango era morbido e così stavolta abbiamo affidato i nostri desideri alla terra.

Infine quel momento in cui un panorama diventa uno spettacolo da condividere e ricostruire insieme per restituirne dettagli, prospettive, colori e forme a chi non può coglierli, arricchendo in un ritratto 3D le immagini con profumi suoni e sensazioni che ai più sfuggono se non si lasciano il tempo di ascoltare.

Vedere con altri occhi è sempre emozionante. E mentre c’è chi nota laggiù una fabbrica e i tralicci dell’alta tensione che rovinano un po’ il quadro, qualcuno sorride e sussurra “Che storia, proprio non li vedo!”

Evento Facebook: Passi Gialli da Serramazzoni a Monfestino

Ricordiamo che potete iscrivervi alla prossima escursione di Passi Gialli contattando le organizzatrici entro venerdì 28 giugno.

Nadia: 340 4933914
Cristina: 3408628932

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.