Siamo ponti tra Montagne di Legami e Visioni Rumorose.

105
Roberto e la Pippa

Dopo quello di Marco é la volta del racconto di un altro partecipante, Roberto.

Che ha parlato anche ai microfoni di Radio Francigena – La voce dei cammini . Qui il podcast
Roberto parla di ponti, alcuni dei quali sono quelli che tutti dovremmo attraversare.

Grazie DARIO per la profusione.
Grazie NINO per la disponibilità.
Grazie RENZO per la solidarietà.
Grazie PIPPA e LULU` per la pazienza.
Grazie a tutti per la consapevolezza di fare gruppo.

La camminata si trasmuta in “CAMMINO” quando si realizza un “ponte” o nel nostro caso più “ponti”.

Un ponte tra l’energia emozionale spontanea e immediata di DARIO e il rispetto delle regole,t empi, spazi ed etica dell’evento di NINO.
Un ponte tra chi vede i caprioli e le poiane e chi le immagina: quali sono i più belli? ci dà più benessere quello che vediamo o quello che immaginiamo?
Un ponte tra la teatralità seducente dei racconti di  di ELVIRA e le mordaci battute da buon toscano di MASSIMO.
Un ponte tra la lingua italiana e il dialetto pisano dei sonetti irriverenti e musicali di MARIO.
Un ponte tra l’uomo e l’asina che ho cercato di attraversare.
Un ponte tra le generazioni: MARINA e FIORELLA. La foto é simbolica ed emblematica.  Lei guarda verso il futuro seduta sulle ginocchia di FIORELLA con la saggezza e la cultura che le appartengono.
Marina e Fiorella
Un ponte tra noi e le comunità che abbiamo attraversato con le varie iniziative (conferenza, caseificio Busti, museo archeologico di Rosignano e agriturismi).
La nostra “vision”, percezione, esperienza é stata abbastanza “noisy”, rumorosa al di fuori di noi e dentro di noi?
Un ponte tra la montagna e il mare: tra spazi chiusi e profondi e spazi aperti e profondi. Notate qualcosa in comune?
Un ponte tra la medicina occidentale e orientale con la competenza di LUCIA, FRANCESCA, GIOVANNI e GIANNI.
Un ponte tra chi  ha superato da tempo la perdita di un senso e chi da poco.
Un ponte tra adulti e bambini perché nella scoperta del nuovo, incerto, misterioso e giocoso ci accomuniamo.
Un  ponte tra i gusti di questa Toscana e i profumi di questa primavera.
Un ponte tra il MARCOS DJ de Sao Paulo do Brasil e il MARCO apprendista camminatore con la borsa di “compressione” e lo zaino-trolley più originali di tutti.
Ma sopratutto un ponte tra i quattro elementi:
TERRA, bianca, ocra e verde, tanto verde, un mare verde che improvvisamente diventa blu al quarto giorno. Terra dove i nostri piedi hanno lasciato un’orma.
ARIA fresca, profumata, calda e spesso ventosa che ha accarezzato non solo l’olfatto ma l’intera pelle del nostro corpo.
CIELO, azzurro, azzurro, azzurro a cui tutti noi nella nostra insostenibile leggerezza dell’essere cerchiamo di ascendere che ci ha accompagnato con SOLE e STELLE sia di giorno che di notte
FUOCO, l’ entusiasmo che bruciava dentro di noi senza consumarci, anzi incendiava gli animi e li cuore di altri.
ACQUA,dissetante,sgorgante, rilassante, contenitiva che a Rosignano si é distesa all’infinito verso altri orizzonti, altri CAMMINI.
Auguriamoci di costruire un ponte per ogni muro che abbatteremo e saremo circondati da Montagne di Legami.
Con affetto un’intenso abbraccio a tutti dal vostro ROBIN della PIPPA.

Commenta l'articolo

Please Login to comment
avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami